Nuova manifestazione di protesta per chiedere lo sblocco del progetto della pista ciclabile e pedonale sull’asse Cabras-Oristano

Sabato 2 luglio l’Amministrazione Abis si prepara a far sentire nuovamente la voce della protesta per richiamare l’attenzione sul blocco della pista ciclopedonale in progetto sull’asse  provinciale Cabras-Oristano.

Lo scorso primo maggio durante la tradizionale ciclo pedalata del Sinis si era svolta una prima manifestazione durante la quale il Sindaco, insieme ai componenti della Giunta, ai consiglieri e a tanti cittadini aveva spiegato le motivazioni della protesta.

Ci troviamo davanti a uno stallo in forte contrapposizione con le necessità del territorio – afferma Andrea Abis -. Stiamo discutendo da troppo tempo sulla fattibilità di un’infrastruttura della quale abbiamo urgente necessità, in primis a causa della pericolosità del tratto stradale sul quale dovrebbe sorgere. Siamo ormai arrivati alla stagione estiva, quella durante la quale i locali ma soprattutto i turisti prediligono spostarsi a piedi o sulle due ruote per raggiungere le località marine e visitare le bellezze naturalistiche e i siti archeologici. Senza una pista studiata appositamente per pedoni e biciclette, ben illuminata, stiamo esponendo le persone  a un pericolo insostenibile del quale questa amministrazione non intende assumersi le responsabilità”.

Gli amministratori non intendono abbandonare il progetto che, oltre al risvolto sulla sicurezza stradale avrebbe un’importanza strategica anche ai fini dello sviluppo turistico locale e sono pronti a occupare la nuova rotonda sulla SP 6 sabato mattina, chiamando a raccolta tutti coloro che sono sensibili al tema.

L’appuntamento è per le ore 9.30 dentro il piazzale del centro polivalente. Ci si sposterà in corteo verso la rotonda, dove alle ore 10 ci sarà il blocco del traffico per la durata di mezz’ora.

L’Amministrazione ha realizzato anche l’evento sulla pagina Facebook dove è possibile dare la propria adesione alla manifestazione.

“La nostra protesta intende accendere i riflettori su un’esigenza che col tempo assumerà contorni sempre più ampi di pari passo con l’aumento delle presenze turistiche, che già da quest’anno si prospettano nettamente superiori rispetto al passato grazie alla capillare campagna di promozione territoriale in atto” conclude il primo cittadino.