Cookies

Fondazione Mont’e Prama: il Consiglio Comunale approva gli schemi dell’Atto Costitutivo e dello Statuto

Il Consiglio Comunale ha approvato, durante la seduta straordinaria di questa sera, lo schema dell’atto costitutivo e lo schema dello Statuto della Fondazione Mont’e Prama, in vista dell’imminente arrivo, previsto per il primo luglio, del Ministro alla Cultura Dario Franceschini e del Presidente della Regione Sardegna Christian Solinas, per la firma dei documenti alla presenza di un notaio.

 

“E’ un momento importante per questo Consiglio Comunale, per questa amministrazione e per tutta la comunità cabrarese. Oggi è il punto di arrivo di un percorso iniziato diversi anni fa, a seguito del primo grande restauro del 2008 e poi proseguito fino alla firma dell’accordo di valorizzazione del 2017.  Oggi però è anche un nuovo punto di partenza che porterà a un forte salto di livello nella programmazione e gestione del patrimonio dei beni culturali di questo territorio: Mont’e Prama, Tharros, l’ipogeo di San Salvatore, la Torre di San Giovanni di Sinis.

In questi ultimi due anni le trattative sono state complesse, ci sono stati anche momenti di forte tensione ma è stata sempre posta al centro la comunità locale, il ruolo, la sua dignità e l’identità del patrimonio immateriale. Alla fine ha prevalso il rispetto delle parti e la condivisione convinta del grande progetto da parte del Ministro della Cultura e del Presidente della Regione Autonoma della Sardegna. Ora, in questo documento, c’è scritto nero su bianco che tutto il patrimonio sarà conservato ed esposto nel Museo Civico di Cabras e quando si parla di Museo non si intende solo l’immobile ma l’intero territorio, un museo a cielo aperto.

Grazie agli stanziamenti che saranno garantiti e ai contributi dei sostenitori saranno resi possibili investimenti fondamentali per la tutela, il restauro e la valorizzazione dei beni.

Voglio ringraziare tutte le amministrazioni comunali e regionali che ci hanno preceduto e tutte le persone che hanno collaborato in silenzio. Cito, per tutti, la dott.ssa Boninu e il prof. Clemente, che in questi due anni hanno lavorato tanto e purtroppo non potranno conoscere questo grande risultato raggiunto anche grazie al loro fondamentale apporto”, ha dichiarato il Sindaco Andrea Abis.