Entro il 7 febbraio le domande per la selezione del direttore della Fondazione Mont’e Prama

Fino al 7 febbraio è possibile presentare la propria candidatura per la selezione della figura di direttore della Fondazione Mont’e Prama. I termini di presentazione sono stati riaperti per dare maggiore visibilità al bando pubblicato lo scorso 16 novembre.

“Insieme al Consiglio di Amministrazione abbiamo deciso di ampliare i tempi di partecipazione perché il ruolo del direttore è di primaria importanza per il futuro della Fondazione Mont’e Prama – ha dichiarato il presidente della Fondazione Anthony Muroni -. Si tratta di una figura che dirigerà le sorti dell’intero complesso museale, indispensabile per perseguire l’obiettivo di potenziamento e promozione del Sistema di valorizzazione integrata territoriale del Sinis – Terra di Mont’e Prama, sancito dall’articolo 2 dello Statuto. Sono state presentate diverse candidature ma riteniamo opportuno posticipare la scadenza, così da ampliare ancora di più la rosa di nomi a disposizione della commissione giudicatrice”.

Il Direttore della Fondazione sarà individuato attraverso una procedura comparativa. La commissione formulerà una terna di candidati idonei tra i soggetti che hanno presentato le istanze e la nomina verrà concretizzata dal Consiglio di Amministrazione.

“Il bando è aperto a soggetti di qualsiasi nazionalità – ha specificato Muroni -. L’ambizione di Mont’e Prama è quella di divenire una meta turistica mondiale, per questo motivo è bene che si giunga a una visibilità maggiore, la quale richiede una tempistica diversa da quella fissata inizialmente”.

La domanda di ammissione alla procedura selettiva, indirizzata alla Fondazione Mont’e Prama – Via Tharros snc - 09072 Cabras, deve pervenire entro le ore 23.59 di lunedì 7 febbraio, compilando il modulo scaricabile dal sito istituzionale del Comune di Cabras.  Deve essere inviata esclusivamente via pec all’indirizzo fondazione.monteprama@pec.it.

Il titolare della pec deve essere il candidato e la domanda deve essere sottoscritta dallo stesso candidato mediante firma digitale o firma elettronica qualificata, oppure, ai sensi dell’art. 38, comma 3, del D.P.R. n. 445/2000, trasmessa copia per immagine dell’istanza sottoscritta dall’interessato unitamente a copia per immagine del documento d’identità del medesimo. L’oggetto della PEC deve indicare la seguente dicitura: “Domanda procedura selettiva Direttore Generale".

ALLEGATI