Piergiorgio Pulixi a Cabras presenta “Per mia colpa” e “Il Mistero dei bambini d’ombra”

Venerdì 25 febbraio alle ore 17.30 presso il centro polivalente di via Tharros, nuovo appuntamento con autore organizzato dalla Biblioteca comunale in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura.

Lo scrittore Piergiorgio Pulixi, vincitore di numerosi premi letterari tra cui il Premio Scerbanenco (2018) per il libro Lo stupore della notte e il Premio Franco Fedeli (2021) per il libro Un colpo al cuore, presenterà  due romanzi: Per mia colpa e Il mistero dei bambini d’ombra. Quest’ultimo, in libreria dal 15 febbraio, è una novità assoluta perché è il primo romanzo per ragazzi dell’acclamato autore noir.  

Per mia colpa è invece un romanzo psicologico che invita alla riflessione attraverso l’analisi dei protagonisti. Ognuno di essi convive con un senso di colpa, con un trauma passato che dà origine a un lato oscuro. L’amore di Pulixi per la Sardegna traspare grazie alle poetiche descrizioni dei luoghi.

Dialogherà con l’autore il giornalista e avvocato Jimmy  Spiga.

La partecipazione all’evento è vincolata al rispetto delle normative vigenti in materia di Covid19.

 

L’autore. Piergiorgio Pulixi fa parte del collettivo di scrittura Sabot creato da Massimo Carlotto, di cui è allievo. Insieme allo stesso Carlotto e ai Sabot ha pubblicato “Perdas de fogu” (Edizioni E/O 2008), e singolarmente il romanzo sulla schiavitù sessuale “Un amore sporco”, inserito nel trittico noir “Donne a perdere” (Edizioni E/O 2010). È autore della saga poliziesca di Biagio Mazzeo iniziata col noir “Una brutta storia” (Edizioni E/O 2012), miglior noir del 2012 per i blog Noir italiano e 50/50 Thriller e finalista al Premio Camaiore 2013, proseguita con “La notte delle pantere” (Edizioni E/O 2014), vincitore del Premio Glauco Felici 2015, e Per sempre (Edizioni E/O 2015).

Nel 2014 per Rizzoli ha pubblicato anche il romanzo “Padre Nostro” e il thriller psicologico “L’appuntamento” (Edizioni E/O), miglior thriller 2014 per i lettori di 50/50 Thriller. Nel 2015 ha dato alle stampe “Il Canto degli innocenti” (Edizioni E/O) vincitore del Premio Franco Fedeli 2015, primo libro della serie thriller “I canti del male”. Alcuni suoi racconti sono stati pubblicati sul «Manifesto», «Left», «Micromega» e «Svolgimento» e in diverse antologie. I suoi romanzi sono in corso di pubblicazione negli Stati Uniti, in Canada e nel Regno Unito. Altre pubblicazioni: “Lo stupore della notte” (Rizzoli, 2018), “L'isola delle anime” (Rizzoli, 2019) e “Per mia colpa” (Mondadori, 2021).

 

Le trame

Per mia colpa. La vicecommissaria Giulia Riva, decisa a chiudere una storia clandestina con un superiore che le procura soltanto dolore, ha appena chiesto il trasferimento. Ma al commissariato di Cagliari si presenta Elisa, nove anni e una richiesta che raggela: ritrovare la mamma scomparsa. Giulia non può tirarsi indietro, anche se Virginia Piras era una moglie e una madre serena, e dunque per sparire così probabilmente è stata uccisa. Ma da chi? E perché? Tutti sembrano essersi dimenticati di lei, compreso l'ispettore Flavio Caruso, il partner e mentore di Giulia, a cui l'indagine è affidata. Caruso però non è più il poliziotto di un tempo, e Giulia capisce che potrebbe aver commesso errori fatali. Così si fa assegnare il caso, nella speranza di risolverlo ed evitare una possibile onta al suo partner. Non immagina che la ricerca la spingerà a interrogarsi anche sui propri errori passati: perché il cuore ha due lati, uno con cui si ama e uno con cui si odia.

Il mistero dei bambini d’ombra. Nel 1984 la città di Stonebridge è stata colpita da una tragedia: in una sola notte tutti i bambini al di sotto dei tredici anni sono scomparsi senza lasciare traccia. Nel corso degli anni qualcuno racconta di averli sentiti giocare al limitare del bosco, ma di aver visto soltanto le loro ombre, come se fossero dei fantasmi. Trent'anni dopo, Jake Mitchell, dodici anni, scopre che suo zio Ben era uno di loro. Per la prima volta si ritrova a pensare a quello zio che non ha mai conosciuto e che ora sente più vicino che mai, anche grazie a una mitica pallina da baseball che era dello zio e che Jake capisce subito avere un valore speciale. Jake sta ancora imparando a convivere con questa nuova verità della sua famiglia quando il suo migliore amico Mike scompare nel nulla, e lui non può far altro che andare a cercarlo, contro tutto e tutti, infilandosi in un'avventura tra realtà e magia da cui nessuno tornerà più come prima.