Cookies

L'area marina protetta Sinis consegna esemplare di tartaruga alligatore all'acquario di Calagonone

tartaruga alligatore

È arrivato il nullaosta per il suo trasferimento da parte Centro anticrimine natura carabinieri di Cagliari, a seguito del dissequestro autorizzato dalla Direzione centrale per il patrimonio naturalistico del Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare. Nella tarda mattina di martedì 10 marzo 2020 è stata trasferita all’acquario di Calagone la tartaruga d’acqua dolce, della specie Macroclemmys Teminicki del Sud America, conosciuta come “tartaruga alligatore”, in custodia da oltre sei anni all’Area Marina Protetta Penisola del Sinis Isola di Mal di Ventre.

Data in affidamento all'AMP del Sinis a seguito di una sentenza del tribunale di Sassari del 2018, va a Calagonone: l'acquario presenta strutture idonee e spazi adeguati rispetto al CRES, che ha soltanto strutture di ricovero temporaneo. Quando il giudice ha disposto il sequestro dell'esemplare di tartaruga alligatore nel 2013, ha contestualmente disposto la custodia temporanea presso le strutture del CRES, che in quel momento era l'unico centro attrezzato. Il veterinario che svolge il servizio per la Regione, Paolo Briguglio, è anche il veterinario del CRES.
Adesso la sentenza la affida in maniera definitiva al Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare .

È stata equestrata il 4 luglio 2013 insieme a "Genoveffa", altrimenti nota come "Alghero 1", esemplare della specie Caretta caretta. Quest'ultima, dissequestrata anch'essa, verrà liberata, non appena le condizioni meteo lo consentiranno.
Resta in custodia dell'AMP “Gavino”, altro esemplare della specie Caretta caretta. Oggetto di un diverso procedimento non ancora concluso, resta in attesa di nullaosta per poter essere liberata.



 


I